Thursday, December 19, 2013

"L'arte non insegna nulla, tranne il senso della vita."

Portrait of Elen Ellis from ElenAndTheCity.com
Pencil on Paper
42,2 X 30 cm

E' con grandissimo piacere che vi presento oggi un'artista molto speciale: Sandra Deiana.


Ciao Sandra, raccontami un pò di te, quali sono le tue origini? che studi hai fatto?

Ciao Elen, intanto ti voglio ringraziare per questa opportunità che mi hai dato, spero che tra noi ci siano altre collaborazioni in futuro.
Sono nata a Cagliari e ho vissuto con la mia famiglia in un paesino vicino al capoluogo sardo. Se mi chiedi di parlarti di me, mi viene subito in mente di raccontarti di quando da piccola giocavo con mia sorella Silvia al "gioco del disegno": a turno dovevamo scegliere un oggetto, una figura, qualsiasi cosa ci venisse in mente, e sfidarci nel disegnarla. "Un vaso di fiori", diceva Silvia, oppure "una rondine", dicevo io, e via a sfidarci per ore a chi riusciva a disegnare meglio. Bhe, devo dire che mia madre ha risparmiato parecchio sui nostri giocattoli, bastava che ci comprasse una bella scatola di colori e fogli, ed eravamo le bambine più felici del mondo.
Dagli 8 ai 12 anni, sempre insieme a mia sorella, i nostri genitori ci portavano ogni anno a un concorso di pittura organizzato da una pescheria in collaborazione con il comune di Selargius, ci davano foglio, pennelli e tempere, dovevamo rappresentare un tema diverso ogni anno. Abbiamo portato a casa tutti gli anni qualche coppa o libro come premio, per me e Silvia era una felicità immensa ogni volta. Dopo le scuole medie ho frequentato il liceo artistico, dopo aver convinto i miei genitori che nel frattempo mi avevano spinto verso il liceo scientifico. L'artistico mi ha insegnato tantissimo, ho avuto la fortuna di avere degli ottimi insegnanti, soprattutto di scultura, architettura e figura umana. Durante il 3° anno di liceo ho vinto il 1° premio di un concorso di estemporanea di pittura, svoltosi a Cagliari, in cui ci diedero 6 ore per realizzare un dipinto con tema "Come i miei occhi vedono la città". Tra questo e altri progetti, ho passato 5 anni meravigliosi in cui mi sono appassionata sempre di più al mondo dell'arte, e così ho deciso, con il prezioso aiuto dei miei genitori, che però all'inizio erano molto titubanti, di partire per Roma per frequentare l'Accademia di Belle Arti. Purtroppo mi sono resa conto ben presto che non aveva niente a che vedere con il mio Liceo Artistico.
Così, dopo quasi tre anni, sono venuta a scoprire per caso di una scuola molto particolare qui a Roma, la Scuola d'Arte della Medaglia, che ogni anno mette al bando 12 posti. Ho fatto l'esame d'ammissione e, quando ho saputo che ero arrivata seconda, ho preso la decisione definitiva di lasciare l'Accademia e dedicarmi a questa scuola. Sto per entrare al 2 anno, mi piace davvero moltissimo perchè rientra nella mio concetto di scuola d'arte.


Quando hai capito che la tua strada sarebbe stata quella dell'arte?

In realtà non c'è stato un momento particolare che abbia dato la svolta definitiva verso l'arte. Devo dire che tutta la mia vita si è sempre basata su questo e non ho mai pensato di fare altro.

Whoopy Goldbergmatita su carta35 x 50 cm
© SandraDNArt
Quali sono le tue ispirazioni? (Ti ispiri a persone, paesaggi, colori?)

Fino a qualche anno fa ho sempre realizzato copie dai grandi maestri, lo facevo semplicemente per esercitarmi nelle tecniche e per realizzare commissioni che mi chiedevano. Il 2008/2009 è stato il periodo di maggiore produzione di dipinti a olio miei personali, ma pur sempre traendo ispirazione da fotografie trovate in rete. In questa fase realizzavo solo vedute di scene di città, soprattutto città del nord Europa, come Amsterdam o Strasburgo, ma anche Roma mi è sempre piaciuta, e l'ho immortalata più volte. Solo nell'ultimo anno, con una maggiore consapevolezza delle mie capacità tecniche, ho iniziato a orientarmi verso il disegno a matita, grafite/carboncino, ispirata sempre di più dallo stile relistico e figurativo, e voglio continuare per questa strada, mi piace troppo e non riesco a farne a meno.

Credi di riuscire ad esprimere quello che vuoi attraverso le tue opere?

Fin'ora ho sempre visto ogni mio lavoro come una sfida personale dal punto di vista della tecnica; ora voglio iniziare a sfruttare questa mia capacità per esprimere dei concetti reali, attuali, che appartengono alla nostra società per esempio. Voglio perfezionare sempre di più lo stile realistico: poichè per realizzare un solo lavoro occorrono almeno uno o due mesi, mi baso su una fotografia realizzata appositamente per crearne il disegno. Ho già studiato la mia prossima opera, per la quale ho ingaggiato una bravissima fotografa che ha realizzato per me la foto, non vedo l'ora di iniziare a lavorarci!


Non sono molto esperta del mondo artistico attuale, credi che sia valorizzato e capito abbastanza quello che fai dalla società?

Fin'ora ho avuto un riscontro abbastanza positivo, non mi posso certo lamentare, ma stiamo parlando di un pubblico ancora molto ristretto, non faccio ancora i conti con milioni di persone, ma spero ovviamente che questo accada prima o poi! Nel mio piccolo dunque ti posso parlare della mia esperienza con i committenti.. alcuni di loro capiscono perfettamente il senso del lavoro che c'è dietro, ma sono rari. La maggior parte crede che comprare un disegno fatto a mano abbia lo stesso valore di una foto o una stampa, e pretendono prezzi stracciati. E' capitato anche a me di "svendere" i miei lavori per pochi soldi, ma è stato in situazioni di necessità, ora ci tengo molto di più a questo discorso e sono ferma sul fatto di non "regalare" più i lavori.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Non sono diversa dagli altri ragazzi della mia età, sto cercando di crearmi una sistemazione lavorativa e sto studiando perchè questa sia legata al mondo dell'arte, questo quindi è il mio progetto, lavorare in questo campo e avere il tempo di portare avanti i miei lavori, è tutto quello che desidero.

Inoltre…. Sandra è davvero impegnata per raggiungere i suoi obbiettivi! Non perde un concorso! L'ultimo che ha fatto… E VINTO… è questo:

-Premio d'arte "Art Fight", un concorso aperto a tutti gli artisti a livello internazionale. Ogni artista, pagando una quota di iscrizione, invia in formato digitale Fino a tre opere, man mano esposte nella galleria del sito internet. Passati alle votazioni (effettuate dal pubblico) Sandra ha raggiunto il maggior numero di voti e vinto il primo premio che consiste in:
-una mostra collettiva dei primi 30 artisti votati che avrà luogo dal 7 fino al 27 dicembre all'Art Gallery Quirinus, a Koping, Svezia;
-una mostra personale in data da definire Nella stessa galleria;
-un premio in denaro.

Questa è la foto del concorso:

Ascoltami matita su carta 46,2 x 63 cm
SandraDNArt ©

In alto avete visto il ritratto che Sandra ha realizzato per me, 
ne sono onorata e sono felice di darle visibilità!
I giovani talenti vanno sempre premiati, questa artista farà molta strada, ne sono certa!

Mi raccomando cliccate MI PIACE sulla sua PAGINA FACEBOOK per rimanere sempre informati sul percorso di questa meravigliosa artista!



If you can see me, I can see youwatercolor on paper
  ©SandraDNArt













1 comment:

  1. Que preciosidad, vaya una máquina, artistaza total

    UN saludo

    elcajondemibureau.blogspot.com

    ReplyDelete

Hey sweetie! thanks for your comment!
Leave the link and i'll visit ur blog!